ЛитМир - Электронная Библиотека
ЛитМир: бестселлеры месяца
Как вырастить экопродукты. Все о здоровом питании от рождения до 100 лет
Даже если я упаду
Сеть птицелова
Норма
Снежная сестрёнка
Город женщин
99 секретов науки
География на ладони. Краткий курс по устройству планеты
Жизнь Амаль
A
A

Anna era prossima al pianto. — Nick, non lo so.

Lui sospirò e si appoggiò allo schienale della sedia. — Lei probabilmente no. Anna, questa gente è velenosa. Non si lasci usare da loro. Non imparano mai. Non migliorano mai. Continuano a fare scherzi. Continuano a pensare che i loro giochi funzionino. Non so che cosa conti nella storia; ma i giochi di spie sono triviali e inutili, maliziosi e demoniaci. Non si lasci coinvolgere. — Si alzò e prese la cartellina. — Ringrazi il capitano McIntosh per le informazioni. Non le chiederò di dirgli di andare a farsi fottere. È un genere di messaggio che dovrebbe essere consegnato personalmente.

Se ne andò e Anna si mise a piangere.

14

Ho atteso fino a sera per parlare con Gwarha. Secondo una delle nostre regole, in pubblico e durante le ore d’ufficio dovevo comportarmi più o meno come un funzionario o un gentiluomo. Sapevo che avrei avuto voglia di arrabbiarmi. Immaginavo d’avere un buon motivo per voler camminare e gridare. Perciò, ho atteso che fosse comodo, a casa, poi gli ho dato la cartellina.

Lui ha letto, poi ha posato le due fotografie sul tavolo, davanti a sé. Le ha guardate e ha guardato me. — Faccio fatica a trovare delle rassomiglianze tra gli umani. Ma credo che loro ti assomiglino tutti, soprattutto la sorella e sua figlia.

— Cercano di raggirarmi. Hanno provato con il rapimento. Adesso cercano di aggrapparsi a qualsiasi cosa. La lealtà per la famiglia. Sai cosa penserebbe di questo Lugala Tsu?

— Lui è un pazzo maligno. Non si può cambiare la sua opinione con fatti o ragioni, perciò è inutile curarsene. La cosa importante è questa. — Ha guardato la fotografia di Beatrice e Nicole. — Hai un discendente e del miglior genere possibile. La figlia di una sorella. Una sorella vera. — Ho creduto di sentire una nota di tristezza nella sua voce. Lui è l’unico figlio vivente di sua madre. I suoi parenti più vicini nella successiva generazione saranno i figli delle cugine femmine. I suoi figli… e certamente deve averne… non conteranno, naturalmente. Apparterranno alla stirpe delle loro madri. — Le hanno dato quel nome a causa tua?

— Nicole? Credo di sì. Ammesso che esista. Gwar, voglio che gli uomini della tua sicurezza controllino le fotografie. Vedi se riescono a stabilire se sono state alterate o sono false.

— Gli umani mentirebbero su qualcosa di così importante?

— Sì. Per quel che ne so, tutta la mia famiglia è morta. Non ho ragione di credere a niente di tutto questo.

— La vostra specie è disprezzabile. Dirò alla mia gente di fare ciò che possono. Ma non sono sicuro che riescano a scoprire qualche trucco. — Ha toccato la fotografia di Beatrice e di Nicole. — Pensi veramente che mentirebbero su questo?

Ho annuito.

Ha emesso un piccolo verso d’infelicità, poi ha riposto le fotografie nella cartellina.

Mi sono seduto. — Se mai usciremo da questa situazione, torneremo a casa tua. Voglio essere fuori da tutto. — Ho allungato le gambe. — Credo che potremmo fare un viaggio in montagna. Molto esercizio, quanto più sesso possibile e senza pensare a niente. Gesù, sono stanco di pensare.

— Allora, non farlo. Gestirò io il problema di Lugala Tsu. Le macchinazioni degli umani possono essere ignorate. Obbedisci agli ordini e fa’ il tuo lavoro. Questa è sempre un’alternativa, Nicky. Non devi complottare. Non devi manipolare. Non devi fare stupidi giochi.

— Divinità, che tentazione.

— Allora, agisci o, piuttosto, non agire. Sta’ calmo e lascia che gli eventi accadano da soli. Se qualcosa è importante, se deve essere fatta, verrà fatta senza che tu corra a destra e a sinistra.

Zen e l’arte di vivere tra alieni dal pelo grigio. (?)

Dal diario di Sanders Nicholas,

addetto alle informazioni presso lo staff

del Primo Difensore Ettin Gwarha

CODIFICATO PER LA SOLA VISIONE DI ETTIN GWARHA

15

Anna trascorse un’altra sera con i colleghi. Etienne andò a letto presto, come pure il piccolo traduttore cinese, Haxu. Gli altri rimasero alzati: Charlie, Sten, il capitano McIntosh, il dottor Azizi e Dy Singh, che era un autentico praticante Sikh con turbante.

Bevvero caffè con o senza brandy. Dopo un po’, Anna raccontò loro della conversazione con Nicholas.

Charlie aggrottò la fronte. — Credevo che fossimo d’accordo di non fare complotti, capitano.

— Non stavo complottando. Pensavo che l’addetto Sanders forse avrebbe voluto avere notizie della sua famiglia.

— Perché dargli una versione accuratamente riassunta del suo file?

— Non potevo dargli la versione integrale. Gran parte delle informazioni sono protette o private; e non vedevo il motivo di stampare tutto il resto. C’è molta roba. Quelli dell’Intelligence Militare hanno la mania di collezionare informazioni; e… per quel che ne so… nessuna abilità nel discriminarle. Se fossi stato attento, avrei potuto dirle il suo numero di scarpe e i risultati di tutti gli esami che gli siano mai stati fatti. Niente di tutto questo è interessante. Sembra che sia stato un giovane assolutamente normale.

— Alla Mi erano preoccupati per la sua famiglia; i suoi parenti sono un po’ troppo socialmente attivi. Ma non hanno trovato niente nella storia personale di Sanders che li faccia preoccupare di lui come individuo; e, alla fine, lo hanno preso.

— Non ha risposto alla mia domanda — disse Charlie. — Perché gli ha dato una copia del suo file?

— Volevo ricordargli che un tempo è stato uno di noi, e che ha ancora una famiglia sulla Terra. Credevo che potesse farlo diventare… non un amico ma più… amichevole.

— Pare che lo abbia mandato su tutte le furie. — Charlie guardò Anna. — Se le capita l’occasione, si scusi con lui. Gli dica che non intendevamo fargli del male.

— Farò del mio meglio.

Dy si spostò e parve profondamente inquieto. Disse che non gli interessava affatto Nicholas Sanders. Ma voleva l’opinione di Charlie sullo stato attuale dei negoziati. Così, ne parlarono. Charlie era cautamente ottimista. — Abbiamo soltanto due obiettivi, in questo momento. Uno è di stabilire una linea costante di comunicazione. Ciò sta diventando sempre più probabile o, almeno, possibile. E ci piacerebbe recuperare tutti i nostri che sono nelle mani dei hwarhath. Questo, credo, accadrà. È chiaro che a loro interessa riavere i loro maschi giovani. Anche se non pregusto il momento in cui dirò loro quanto pochi ne siano rimasti vivi.

Seguì un breve silenzio. Poi il dottor Azizi chiese fino a quando sarebbero continuati i negoziati.

— Non ho una risposta a questa domanda — disse Charlie. — Ma sono riluttante a mettervi fine prima di aver raggiunto qualcosa. Abbiamo già avuto una serie di colloqui falliti.

Guardò il bicchierino del brandy, aggrottando la fronte. — Continuo ad avere la sensazione che manchi qualcosa, qualche importante pezzo d’informazione. L’immagine che continua a presentarsi è una stazione come questa, che orbita senza alcun riferimento. Siamo spinti e guidati da un fatto enorme che non riusciamo a vedere. — Sollevò lo sguardo e sorrise. — È un segno pericoloso quando un diplomatico diventa metaforico. Forse mi sbaglio. Forse sappiamo tutto ciò che ci serve sui hwarhath.

Il dottor Azizi si appoggiò allo schienale, un’espressione rassegnata sul viso.

— Ma sono tuttavia convinto che faremo dei progressi — continuò con decisione Charlie. — E intendo rimanere finché non sarò in grado di riportare il successo.

El Matsehar ricondusse Anna per i corridoi freschi e illuminati. Era d’umore taciturno… di tanto in tanto accadeva… e lei era stanca. Non parlarono quasi.

In camera da letto, Anna spense l’ologramma del soffitto e si distese al buio. La determinazione di Charlie di rimanere la rendeva improvvisamente consapevole di essere a centinaia di anni luce dal resto dell’umanità. La stazione hwarhath sembrava fragile e aliena. Fuori, c’era il vuoto, immenso e ostile. Dentro, c’erano persone che lei non capiva.

47
{"b":"121069","o":1}
ЛитМир: бестселлеры месяца
Благие знамения
На мохнатой спине
Дурман для зверя
Ты уволена! Целую, босс
Dragons corporation
Операторы мироздания
Сокол и Ласточка
Рождественские истории. Как подружиться с лисёнком
Ведьма. Отобрать и обезвредить