ЛитМир - Электронная Библиотека
A
A

— Non è un po’ meschino?

— Anna, lei non ha ancora visto la meschinità. Quando un paio di individui duri come il generale e Lugala Tsu decidono di confrontarsi, si aprono orizzonti di meschinità che lei e io possiamo a malapena immaginare. Si ricorda la prima volta che ha visto le Montagne Rocciose? O l’oceano? O la Terra dallo spazio? Se quei tizi si scatenano, sarà così.

— Hanno intenzione di scatenarsi? Di dare il via a un qualche tipo di lotta interna?

— Non lo so.

Dopo colazione, si recarono nella solita sala delle riunioni. Le due donne aliene erano là in attesa, con indosso gli splendidi vestiti abituali. Quello di Tsai Ama Ul aveva pannelli di un materiale blu luminoso. Ama Tsai Indil ne portava uno di broccato giallo. File di orecchini pendevano dalle sue larghe orecchie. Questa volta, erano formati da catenelle sottili d’oro che terminavano in gocce d’oro. Ogni volta che muoveva la testa anche solo leggermente, le gocce oscillavano e luccicavano.

Che gente appariscente! E perché… se negli Art Corps erano così precisi e i soliti sarti erano capaci del genere di vestiti che Anna aveva di fronte… Nick appariva tanto spesso così trasandato?

Espletarono il rituale dei saluti e poi si sedettero, Nick, come sempre, leggermente arretrato.

— La mia compagna anziana mi ha ordinato di cominciare — disse Ama Tsai Indil. — Secondo la sua opinione, gli uomini… — Parlò nel linguaggio alieno.

— Gli uomini stanno compromettendo tutto — disse Nick, in inglese.

Ama Tsai Indil reclinò la testa. Gli orecchini oscillarono. — Nella nostra lingua, la metafora è diversa. Diciamo che creano complicazioni.

— Ed è particolarmente vero ora che il figlio di Lugala ha deciso di scendere in competizione con il figlio di Ettin. Tsai Ama Ul non farà commenti su questo comportamento, che è tipicamente maschile e che non farà necessariamente apparire né Lugala né Ettin più desiderabili come fonti di materiale genetico.

— Ma è sua opinione che gli attuali negoziati siano importanti e che non dovrebbero essere messi da parte solo perché un paio di uomini cercano di prevaricarsi a vicenda. La donna di Tsai Ama non parlerà di guerra o di alcuna questione militare. Spetta agli uomini combattere. Ma i negoziati riguardano tanto la pace che la guerra, e tocca alle donne concludere la pace.

Com’era preciso quel popolo! Anna non riusciva a immaginare una maggiore proprietà di linguaggio, specialmente dopo aver trascorso anni a scrivere su riviste accademiche.

— Tsai Ama Ul vuole sapere da Sanders Nicholas cos’è accaduto ieri, e poi vuole la sua opinione sui negoziati, donna di Perez.

— Va bene — fece Anna.

Nick parlò nella lingua hwarhath. Anna non avrebbe potuto dire molto sul suo tono, il suono della lingua era troppo diverso dall’inglese. Ma la voce rimase pacata. Le donne aliene lo guardavano con intensità. Lui tenne la testa china, tranne quando Tsai Ama Ul gli parlò, anzi, gli fece delle domande. Allora, sollevò il capo per un istante prima di rispondere.

Quella lingua fatta di sguardi era più complicata di quanto Anna si fosse resa conto. Nick faceva qualcosa di simile a un’affermazione quando incontrava gli occhi della donna. "Dico la verità. Parlo da pari. Parlo da amico."

Alla fine, smise di parlare.

Ama Tsai Indil disse: — Ora, la mia compagna anziana vuole sapere che cosa, secondo lei, sta accadendo.

Anna sollevò brevemente lo sguardo, incontrando quello giallo della donna di Tsai Ama. — Non ne sono sicura. La mia zona di competenza non è la diplomazia. È l’intelligenza aliena. Sono qui più o meno per caso, per via di quello che è accaduto durante l’ultima serie di negoziati. Che cosa credo che stia succedendo? — Guardò la moquette color vino scuro. — Credo che Charlie Khamvongsa sia corretto, un uomo onorevole che vorrebbe concludere una pace. Ho il sospetto che anche Ettin Gwarha sia corretto, anche se non sono sicura di capire le sue motivazioni. Credo che Lugala Tsu stia creando problemi.

— Traduci tu — disse Ama Tsai Indil a Nick.

Lui lo fece.

Tsai Ama Ul rispose.

— Lei non è qui per caso. Le sue azioni precedenti hanno mostrato che si comporterà in modo corretto e con onore, anche se ciò la mette in conflitto con gli altri umani; ed è un bene che sia presente alle discussioni qualcuno che è abituato a pensare al problema dell’intelligenza. Per parlare, dobbiamo essere in grado di pensare a cosa rende le persone diverse dagli animali. Altrimenti, le differenze tra i hwarhath e l’umanità sembreranno enormi e impossibili da superare.

"È difficile descrivere quanto il vostro comportamento sia inquietante per noi. Abbiamo sempre pensato che il sesso fosse una delle differenze più importanti tra le persone e gli animali. Gli animali hanno le stagioni dell’accoppiamento. Le persone no. Tra gli animali, il sesso e la riproduzione sono quasi la stessa cosa. Tra le persone, sono due cose quasi completamente diverse.

"Credevamo che questo fosse naturale e inevitabile. Quando un animale possiederà l’intelligenza e sarà in grado di fare delle scelte, non continuerà a vivere come hanno fatto i suoi antenati, mescolando tutto assieme… lottando, nutrendosi, allevando i figli e facendo l’amore, tutto nello stesso posto. Hah! Abbiamo visto queste cose nei campi e sulle spiagge del nostro pianeta. Come i maschi si picchino e si strazino con gli artigli, come si accoppiano con frenesia, come i bambini possano essere uccisi…"

Ama Tsai Indil si fermò e tirò il fiato.

— Tsai Ama Ul ha finito dicendo: «Ora abbiamo trovato creature con una lingua e una cultura materiale, che sanno viaggiare nello spazio, e che si comportano tra di loro in un modo che crediamo sia impossibile quando l’intelligenza è stata raggiunta». Ecco perché la sua area di competenza è importante, donna di Perez.

Gesù Maria. Anna guardò Nick. — Cosa devo dire?

— La verità, sempre, Anna.

Lei non sapeva la verità. Guardò di nuovo, molto brevemente, Tsai Ama Ul. — Non so come rispondere. Non so neppure se lei abbia fatto una domanda. Noi abbiamo sempre pensato che l’eterosessualità fosse naturale. È così che si sono comportate le altre specie di animali sul nostro pianeta. Pensavamo che fosse naturale per uomini e donne vivere insieme e allevare figli insieme. Il che è stato fatto da molte specie di animali.

"Quando vi abbiamo incontrati, abbiamo avuto una reazione che è stata simile alla vostra. Io ho parlato con diversi esperti durante l’anno passato. Molti dicono che la vostra società non ha assolutamente senso. Che non dovrebbe esistere. Alcuni pensano che non esista: c’è qualcosa di sbagliato nelle nostre informazioni. I prigionieri che abbiamo preso ci hanno mentito oppure appartengono a un’aberrante sottocultura. Qualcosa si perde nella traduzione. Forse i traduttori mentono. Me l’ha detto un uomo. Sapeva di Nick."

Nicholas rise.

— Siamo in una situazione uguale alla vostra. Ci aspettavamo di trovare alieni che fossero diversi da noi, veramente diversi. Non ci aspettavamo di trovare alieni che sono molto simili con qualche straordinaria differenza. Ci ha sbilanciati; ed esistono persone tra gli umani che… non dirò che vogliono combattere, ma che non riescono a immaginare di non combattere, e che hanno paura di fare i passi che portano alla pace. Sono convinti che saremo presi in giro e traditi. E la segretezza non è stata di alcun aiuto. Come possiamo negoziare con così poche informazioni?

Nicholas tradusse il suo discorso.

Tsai Ama Ul mosse la testa, un movimento che poteva significare quasi tutto. Poi parlò.

Ama Tsai Indil disse: — Crede che la maggior parte della sua gente voglia la pace?

Anna rispose: — Nick deve avervi raccontato qualcosa del nostro pianeta. Eravamo abituati ad avere molte società diverse… molte nazioni, e queste si sono messe insieme solo di recente. Non abbiamo ancora un’unica cultura o un governo unico. Gruppi diversi vogliono cose diverse. La maggior parte degli umani vuole la pace, ma non tutti, e proprio adesso il nostro governo è così complicato… composto di così tanti pezzi diversi… che è difficile dire che cosa voglia, ammesso che voglia qualcosa.

51
{"b":"121069","o":1}