ЛитМир - Электронная Библиотека
A
A

Ha fatto una pausa e poi ha proseguito.

— Ti esporrò cinque motivi. Non si conclude o non si concludeva tutto in gruppi di cinque nelle antiche storie?

— Sì — ha risposto Ettin Petali.

— È intelligente, anche se non sempre nel modo in cui il Popolo è intelligente. È curioso… anche adesso, quando dovrebbe aver paura e vergognarsi. Guardatelo come continua a girare la testa e a guardare ora l’una ora l’altra. Non perde interesse in ciò che gli accade attorno.

Obbedienti al suo suggerimento, le donne mi hanno guardato e io ho chinato la testa.

— Non si dà mai per vinto. Quando credi che stia indietreggiando, cambia comportamento per riposarsi o per trovare un nuovo modo di resistere o di attaccare. L’ho visto nella sala degli interrogatori. Se c’è una buona forma di rahaka, questa lo è.

"E si rifiuta di odiare. Non gli piace neppure essere arrabbiato. Quando era in prigione, e io andavo a trovarlo, era disponibile a parlare con me anche se sapeva che ero coinvolto in ciò che gli era successo".

(Sono riluttante a dirlo, ma ero veramente annoiato, e tu eri molto più interessante dei personaggi con i quali ero in prigione. Metterò da parte questo discorso. Ho cercato di farlo proprio mentre tu parlavi.)

— Siamo arrivati a quattro motivi — ha fatto notare Ettin Petali.

— Ne avevo un altro. Non c’è più.

Ettin Sai si è sporta in avanti. — Sei stato chiaro, Gwarha, e hai spiegato perché hai scelto Sanders Nicholas invece di qualcuno più adatto. Ma non hai spiegato perché pensavi di avere il diritto a tutta la sua lealtà. Non ti saresti mai aspettato niente del genere da un uomo qualsiasi del Popolo.

— Pensavi, perché lo amavi e perché lui era straniero e intrappolato nei nostri confini e solo, di avere il diritto… — Per ha esitato.

— Di possederlo — ha detto la nonna. La sua voce era piena di disprezzo. Non ha usato il verbo che si usa per le case e la terra e altri generi di ricchezza che le famiglie hanno in comune. Ha scelto il verbo che si riferisce ai possedimenti personali: vestiti, arredamento, persino un animale.

— Hai sempre avuto questo difetto — ha detto Per. — Anche da bambino. Non volevi semplicemente essere il primo, il che è una buona ambizione. Non volevi soltanto fare sfigurare gli altri bambini. Volevi prendere e tenere tutto per te stesso. L’avidità è sempre stata il tuo difetto.

Ci sono state volte in cui mi sono chiesto che cosa avesse reso il generale quello che è. Questo l’aveva reso così. Queste donne terrificanti. Lui sedeva con le spalle curve, e sopportava.

— Posso parlare di nuovo?

— Sì — ha risposto Ettin Petali.

— Perez Anna sta ancora aspettando e quando l’ho lasciata era spaventata e arrabbiata. Forse non volete farla aspettare troppo a lungo.

La vecchia mi ha fissato. — Hai ragione. Non dovremmo spendere troppo tempo sui difetti di Ettin Gwarha. C’è ancora il problema del tuo comportamento, e della possibilità che quel miserabile rozzo di Lugala Tsu si serva di questa situazione per danneggiarci.

— Ti rendi conto di ciò che hai fatto, Nicky? — domandò Ettin Sai.

— Ho dato informazioni a uno dei nemici in tempo di guerra. Gli umani considererebbero l’azione quasi nel modo in cui lo fate voi.

— Gli hai offerto l’opzione, Gwarha? — chiese Ettin Petali.

— No — ha detto il generale. — E non gliela offrirò.

— Perché no? — ha chiesto Aptsi. La sua voce era triste.

— È rahaka. Non l’accetterebbe mai, e ho promesso a me stesso, anni fa, che non avrei mai partecipato a fargli del male.

Davvero?

— Peccato — disse la nonna.

— Perché hai parlato a Perez Anna? — domandò Per.

Ho guardato il pavimento nudo e lucido, cercando di trovare un’argomentazione che avesse senso per le donne di Ettin. Alla fine, ho guardato Per.

— Ho visto che il figlio di Lugala fa del suo meglio per distruggere i negoziati. Ho sentito il capo delle operazioni di Gwarha affermare che la mia gente non è fatta di persone; e sapevo che i negoziatori umani non sapevano… non potevano saperlo… quanto la situazione sia seria. Ho pensato: "Niente si migliora con l’ignoranza."

— Ti avevo detto che ero in grado di gestire Lugala Tsu — è intervenuto il generale. — E Shen Walha.

— Ma gli umani, Primo Difensore? Li sai gestire? Hai idea di cosa faranno? Non si tratta di una normale lotta tra uomini del Popolo, dove ognuno cerca di spingere indietro gli altri. Questo non è un normale conflitto tra specie nemiche. Ti trovi davanti a esseri che non conosci, e che sono ignoranti. Non hanno alcuna idea delle conseguenze di quello che fanno.

La nonna ha sollevato una mano, chiedendo silenzio. — Gli argomenti degli uomini non mi interessano. Le accuse possono aspettare; e possono aspettare anche le spiegazioni. Qui abbiamo tre problemi che ci troviamo a dover affrontare.

Non cinque?

— Uno sei tu, Nicky. Ti sei dimostrato inaffidabile. Non possiamo permetterti di rimanere qui o in alcun altro posto di importanza strategica. Potresti tradirci di nuovo. Ma come possiamo rimuoverti senza che altri sappiano quello che hai fatto?

— Il secondo problema è Perez Anna. Esiste un modo per tenerla tranquilla?

— Il terzo problema è Lugala Tsu. Finché sarà qui, i negoziati saranno in pericolo. In questo penso che Nicky abbia ragione e tu torto, Gwarha. Osservo i Lugala da otto anni. Sono tutti uguali: avidi e di vedute ristrette, ma con una pericolosa furbizia e una grande perseveranza. Non cedono mai. Non imparano mai nulla di importante. Non c’è argomento che possa farli cambiare una volta che hanno deciso che cosa vogliono.

Ha fatto una pausa e ha tirato il fiato. — C’è un quarto problema che mi viene in mente proprio adesso. Gli umani come specie. Tu, Gwarha, hai domandato come possiamo trattare con creature simili. È una domanda da prendere in seria considerazione. L’abbiamo lasciata agli uomini ed è stato un errore.

La nonna ha fatto un’altra pausa, poi ha detto: — Lasciateci.

— Che cosa? — ha domandato il generale.

— Va’ fuori a parlare con Perez Anna. Dille qualcosa di rassicurante, e porta Sanders Nicholas con te. Voglio parlare con le mie figlie e non voglio essere distratta da voci di uomini. Andate.

Ettin Gwarha si è alzato e io l’ho imitato.

— Non lasciate gli alloggi delle donne — ha detto Ettin Per. — Nessuno di voi.

Siamo tornati nell’anticamera, dove Anna aspettava, rannicchiata in un’ampia sedia bassa. Vaihar sedeva di fronte a lei. Ha guardato prima il generale, poi me, poi il pavimento. Anna ha detto: — Allora?

— Siamo stati mandati fuori — ha risposto il generale. — Le donne di Ettin stanno consultandosi.

Si è seduto. Io mi sono appoggiato a una parete.

— Ti dispiace uscire per un momento, Vaihar? Devo parlare con il primo difensore. Rimani nel corridoio.

Vaihar se ne è andato. Il generale ha sollevato la testa. — Non sono dell’umore adatto per fare conversazione — ha detto nella lingua di Eh e Ahara.

— Posso immaginarlo — ho detto io, in inglese, poi ho avvertito Anna che mi sarei messo a parlare in una delle lingue hwarhath. - So che tutto questo è rozzo, e mi scuso. C’è qualcosa di cui devo parlare.

Lei ha annuito.

Sono passato alla lingua di Ettin. — Devo chiederti un favore.

— Adesso? Dopo il modo in cui hai agito?

Ho aspettato.

— Non faccio promesse, Nicholas. Dimmi cosa vuoi.

— Il mio diario. Se mi succedesse qualcosa, prendilo e distruggine la parte codificata per la non visione. Fallo senza leggerla.

Mi ha lanciato una lunga occhiata pensierosa.

— Oppure l’hai già letta, Primo Difensore?

— No, non ho interferito con nessuno dei tuoi programmi e non ho aperto nessuno dei tuoi file. Avrei dovuto?

— Non c’è nulla in essi che sia… — Ero di nuovo alla parola che cominciava con la t, una parola che non mi piace dire. — …sleale verso di te o verso il Popolo. Ma ci sono segreti. Se fossero soltanto segreti miei, potrei vivere con la consapevolezza che tu li abbia letti.

63
{"b":"121069","o":1}